::: SC PALAZZOLO :::

Palazzolo, due legni e ko a Ercolano. Calabrese: “Gara stregata come tutta la stagione”

Palazzolo, due legni e ko a Ercolano. Calabrese: “Gara stregata come tutta la stagione”

Ercolanese-Palazzolo 1-0

ERCOLANESE: Mascolo, Todisco, Esposito, Costantino (32′ st Maisto), Varchetta, Poziello, Tedesco (24′ st Fontana), Ausiello, Cristaldi, Pezzella (19′ st Conte), Rekik (34′ st Minopoli). A disp. Croce, Fusco, Minopoli, Pastore, Coppola, El Ouazni. All. Squillante

PALAZZOLO: Ferla, Boncaldo, Ricca, Raimondi (19′ st Porto), Fichera (24′ st Garcia), Pelosi (1′ st Furnò), Grasso (35′ st Butera), Doda, Palmisano, Filicetti, Dezai. A disp. Pappalardo, Quarto, Mollica, Carpinteri, Calabrese. All. Anastasi

ARBITRO: Cattaneo di Civitavecchia

RETE: 42′ pt Todisco

Ercolano. Non bastano due legni (Grasso nella prima frazione, Garcia nella seconda) per portare a casa punti importanti. Il Palazzolo cade anche ad Ercolano e a tre giornate dalla fine l’unica buona notizia è che il Paceco continua a perdere esattamente come i gialloverdi. I trapanesi infatti hanno uno svantaggio di sei punti sugli iblei e oggi sarebbero in Eccellenza con l’Isola Capo Rizzuto. Salvo clamorose rimonte, le ultime posizioni rimarranno invariate e come hanno sottolineato i massimi rappresentanti del sodalizio gialloverde, meglio pensare e concentrarsi sugli spareggi che da qui al prossimo mese decreteranno le ultime retrocessioni. Il Palazzolo ha comunque dimostrato vitalità, un pò’ come nelle ultime settimane, anche se a conti fatti è tornato a casa ancora con una sconfitta. Che è maturata per un guizzo di Todisco a fine primo tempo dopo una prima respinta di Ferla su conclusione di Rekik, nella cui azione i più lesti si sono poi dimostrati gli attaccanti campani che sono riusciti a ribattere a rete con il difensore.

In avvio il Palazzolo era apparso in partita, perché Grasso con il suo tergiversare e Palmisano (al rientro dopo la squalifica) con la sua fisicità, avevano tenuto impegnata la difesa campana. Tant’è che la prima vera occasione capitava proprio a Palmisano di testa su azione d’angolo al 23′ e tre minuti dopo arrivava la conclusione di Grasso che si stampava sul palo. I padroni di casa avevano però un sussulto intorno alla mezzora e costruivano tre palle gol importanti: con Cristaldi, Costantino e Varchetta e in tutte e tre le circostanze Ferla sbarrava la strada ai granata di casa. L’estremo difensore ibleo, però, non poteva nulla al 42′ quando dopo una prima conclusione campana, doveva raccogliere in rete il colpo di testa di Todisco per la gioia dei sostenitori locali.

In avvio di ripresa Anastasi inseriva Furnò e successivamente Porto e Garcia per dare maggior peso all’azione offensiva del Palazzolo. Filicetti sfiorava il pari su punizione all’8′ e tre minuti più tardi, su azione d’angolo, Ricca di testa trovava la sfera ma non la porta. Questa occasione nasceva da un tiro dalla bandiera di Filicetti: il fantasista prendeva le redini del centrocampo e nella ripresa il Palazzolo stazionava maggiormente nella metà campo campana tanto più che al 17′ l’ennesimo calcio piazzato del numero 10 ibleo per poco non beffava Mascolo. In precedenza era stato Rekik a creare un pericolo, quasi spezzando la supremazia che stava dimostrando il Palazzolo in quel frangente. Egemonia che veniva rafforzata dalla traversa che poco dopo la mezzora colpiva Garcia da posizione favorevole (con palla che tornava in campo e ricadeva proprio sulla linea di porta), per la disperazione della panchina gialloverde che imprecava contro la sorte. Nel finale, con gli ampi spazi che si ritrovava, l’Ercolanese sfiorava poi il raddoppio con Cristaldi prima e con una galoppata di Fontana poi che veniva stoppata però da Ricca che evitata una ulteriore beffa.

“Questa gara è stata lo specchio della stagione del Palazzolo sinora – ha detto il direttore generale Gigi Calabrese a fine partita – ma in questa negatività generale la cosa positiva è che siamo vivi e che in ottica play out questo può essere un buon segnale. Dovremo cercare di arrivare al meglio a questi spareggi e una partita come quella di Ercolano ha detto che possiamo giocarcela. La gara l’abbiamo sempre fatta noi e nell’unico loro tiro in porta abbiamo perso la partita. A fine partita ci siamo complimentati con la squadra perché dopo una prestazione del genere non c’era proprio nulla da rimproverare a nessuno”.

Like this Article? Share it!

Comments are closed.